Lezioni di pianoforte a Lugano e Bellinzona

Vorresti intraprendere un corso di pianoforte a Lugano o a Bellinzona ma non sai a chi rivolgerti? Compila il modulo di contatto e verrai indirizzato nella scelta della soluzione che al meglio concilia le tue esigenze. Approfittane prima che i posti limitati si esauriscano e verrai condotto lungo un nuovo cammino artistico di alto livello.

Grazie ai corsi di pianoforte proposti, oltre ad acquisire le competenze necessarie e di base per suonare uno strumento, l’allievo sin da subito verrà inserito in una rete di attività musicali ed artistiche stimolanti (come ad esempio musica d’insieme, saggi, campus, concorsi , concerti ed esami di livello per i giovani musicisti).

Le attività appena citate hanno lo scopo di stimolare la motivazione dell’allievo affinchè lo studente raggiunga buoni risultati sin da subito. Gli obiettivi verranno adattati al singolo caso così che l’allievo, soprattutto se in tenera età, possa sentirsi sempre all’altezza del compito richiesto, ma non solo, anche soddisfatto e orgoglioso dei risultati che passo dopo passo raggiungerà.

Quindi cosa aspetti? Per iniziare a suonare il pianoforte compila il modulo e prenota una lezione di prova gratuita. 

Qual’è il metodo didattico utilizzato?

Quale sarà il percorso didattico sul quale si baseranno le lezioni di pianoforte? Come tenere alta la motivazione degli allievi e stimolare giornalmente il loro interesse nei confronti del pianoforte? 

Negli articoli pubblicati qui sotto troverete molti approfondimenti sulla didattica del M° Nicolò De Maria. Leggete gli articoli sottostanti oppure navigate sul sito nicolodemaria.com.

Come motivare i nostri allievi di pianoforte?

Quante volte ci è capitato di dover fare lezione ad allievi che a casa non studiano? Quante volte ci siamo sforzati di trasmettere la nostra passione ad allievi che in maniera evidente non esprimono piacere nel suonare il pianoforte?

Possiamo dire che, generalmente, i motivi che incidono negativamente sulla motivazione degli allievi a studiare sono tre: 

  1. Motivazione estrinseca
  2. Obiettivi troppo ambiziosi che non permettono il raggiungimento di risultati a breve termine. 
  3. Manca lo “specifico artistico”.

Se manca la motivazione, i nostri studenti avranno tutte le ragioni per non studiare

Credo che in tanti ci siamo trovati di fronte a studenti con un bassissimo livello motivazionale. Spesso spinti a far musica da una motivazione estrinseca, ovvero proveniente da un desiderio altrui (la mamma, la zia, la nonna o una ricompensa). Prima di tutto, sarebbe un buon punto di partenza assicurarci che l’allievo voglia veramente studiare il pianoforte. Che sappia a cosa va incontro, che dovrà studiare e fare piccoli sacrifici che pian piano diventeranno sempre più importanti.

Se la decisione di studiare lo strumento è stata presa dalla mamma o dal papà, l’allievo non avrà nessun interesse a studiare perdendo così la motivazione che lo stimola.

Assegnare gli obiettivi adatti allo studente

Anche gli obiettivi assegnati dal docente influenzano largamente la motivazione dell’allievo. Lo studente si sentirà soddisfatto se riconoscerà di aver raggiunto dei risultati. Allora sarà orgoglioso del suo operato.

Questo è importantissimo, assegnare brani troppo difficili può essere molto spronante per alcuni studenti, ma anche molto rischioso per altri. Infatti se non saranno in grado di fare ciò gliè stato chiesto dal maestro si sentiranno incapaci. Crederanno di non essere all’altezza. Questo è letale. 

Quindi cerchiamo di trovare sempre un equilibrio, caso per caso, tra l’ambizione dell’obiettivo e la certezza che lo studente possa raggiungerlo.

Cos’è lo “specifico artistico”?

Il didatta russo, con la suddetta espressione, intende:

“la musica stessa, viva materia sonora, discorso musicale con le sue regole e i suoi elementi, chiamati melodia, armonia, polifonia, ed altro, che hanno una determinata struttura formale, un contenuto emozionale e poetico”.

Lo specifico artistico” và trasmesso subito all’allievo, non si può aspettare che arrivi al terzo o quarto anno di pianoforte (avrà già cambiato strumento o avrà già smesso di suonare del tutto). Lo studente merita di sapere sin da subito tutto ciò che concerne un’esecuzione, anche se ancora è solo un bambino.

Concretamente voglio dire che è utilissimo esigere dall’allievo un’esecuzione espressiva. Cioè, se il brano ha un carattere triste và suonato con tristezza; se il brano ha un carattere vigoroso, allora và eseguito con vigore; se il brano ha un carattere trionfale, và suonato trionfalmente.

Questa è l’essenza della didattica pianistica. Le note, il tempo, il ritmo, la diteggiatura e tutto i rimanenti aspetti tecnici passano in secondo piano. La musica e l’espressività devono essere il punto di arrivo dell’allievo, anche se piccolo. Il resto verrà da sé, ovviamente con la corretta metodologia applicata dal docente.

Ti consiglio di leggere i seguenti articoli sulla didattica dell’interpretazione: Come fare ad emozionare il pubblico quando suoni?, 3 Domande & Risposte sul fraseggio.

Agli studenti più giovani, si consiglia vivamente di assegnare un repertorio tradizionale, folcloristico o contenente una melodia già familiare al bambino. Lo studio del materiale prettamente didattico potrebbe distogliere l’interesse dell’allievo. Infatti a volte si presenta in maniera fin troppo tecnica e poco entusiasmante (ad esempio, note bianche e nere, pause, staccati, legati, e così via).

Oltre alle melodie tradizionali si può fare uso anche di alcune semplici melodie tratte dalle opere di Haydn, Mozart, Weber, Glinka e dagli straordinari capolavori didattici di Schumann e Cajkovskij, per allievi un po’ più adulti.

Inoltre, sul repertorio tradizionale o su una melodia molto orecchiabile, consiglio vivamente di fare uso dell’immaginazione. Quest’ultima, per esperienza personale, dà letteralmente vita ad una composizione. Un contenuto immaginario, di qualunque natura esso sia (fantastico o reale, un’esperienza vissuta o desiderata, un’emozione o un sentimento, anche solo un colore) ha il potere di stravolgere l’esecuzione di un brano anche semplicissimo, rendendolo molto espressivo.

Ritornando alla domanda originaria di questo articolo, ritengo che questi piccoli e semplici consigli possano aiutare il docente a trasmettere la passione ai propri allievi.

Inoltre, sono quasi certo che una didattica basata sull’espressività e sull’immaginazione possa stimolare positivamente la motivazione intrinseca dell’allievo, soprattutto se molto giovane.

Alcuni aspetti indispensabili della didattica pianistica. Come fare lezione di pianoforte?

Da dove iniziare? A cosa dare la priorità? Come relazionarci con i nostri allievi?

Quanto vale per noi pianisti e studenti alla ricerca della perfezione musicale venire a sapere cosa Chopin a suo tempo ha trasmesso ai suoi allievi? Quanto prezioso potrebbe essere ricevere una testimonianza da chi lo ha sentito suonare anche solo una volta?

Per questo motivo ritengo utilissimo condividere con voi una lettura in cui mi sono imbattuto.

Raoul Koczalski (1885-1948) fu un pianista e didatta polacco, ma principalmente fu un bambino prodigio. Si esibiva regolarmente in pubblico dall’età di quattro anni e il suo talento straordinariamente oggettivo gli permise di comporre un’opera già a cinque anni.

Tra i grandi allievi di Chopin, Koczalski appare incontestabilmente quello che ha trasmesso la tradizione del compositore polacco nella maniera più limpida. A questo proposito vi propongo la testimonianza inedita del musicologo Louis Aguettant dopo un concerto di Koczalski adolescente:

“Evidentemente possiede una tradizione di prim’ordine.

In due parole, mentre quasi tutti i virtuosi, compreso Paderewski, suonano Chopin come se fosse Liszt, […] lui lascia a questa musica il suo fascino vaporoso di un giardino al crepuscolo e trasforma tutto, compresi gli studi, in un poema intimo.

E poi quella sonorità squisita, morbida nel suo continuo legato!” (lettera autografa del 16 marzo 1901, Biblioteca Municipale di Lione, fondo Luois Aguettant).

Visti l’indiscusso talento di Koczalski e la sua geniale capacità di ammaliare l’ascoltatore, vediamo cosa lui stesso racconta delle lezioni di pianoforte col vecchio e saggio docente Karol Mikuli, il quale si propose di fargli da maestro a Lwow per quattro estati consecutive dal 1892, quando il piccolo Raoul aveva solo sette anni.

Non era cosa da poco: ogni lezione durava due ore piene, questo quotidianamente e non avevo mai il permesso di lavorare da solo. […]

Strettamente basato sul metodo di Chopin, il suo insegnamento era così rivoluzionario che ancora oggi suscita tutta la mia ammirazione.

Le sue analisi mi aprivano gli occhi e mi rendevano capace di non dissociare la tecnica dal lavoro mentale. Niente veniva trascurato: la postura, la diteggiatura, l’uso del pedale, il suono legato, staccato e portato, i passaggi d’ottave, le fioriture, la struttura della frase, la sonorità cantabile di una linea melodica, i contrasti dinamici, il ritmo. […]

Quindi, niente sotterfugi, niente rubato a buon mercato, niente languori o contorsioni inutili”.

Cari lettori, io non aggiungerei null’altro a queste fantastiche testimonianze. Resta ad ognuno di noi la libertà di trarne vantaggio. Ci è stato chiaramente svelato come suonare e come fare lezione ai nostri pupilli. Ritengo che siano delle lezioni non solo legate alla didattica e alla performance pianistica, ma toccano profondamente la nostra mentalità e il nostro approccio con il quale affrontiamo lo studio.

La didattica pianistica di Ludwig Deppe

In questo articolo vorrei affrontare per grandi linee uno dei metodi didattici pianistici (illustrato con molta chiarezza dalla Dott. Chiara Macrì nel suo libro “La nascita della moderna didattica pianistica”) che per primi hanno affrontato…

Gyorgy Sandor. 8 Sintetiche istruzioni per la caduta libera al pianoforte

Il celebre pianista e didatta ungherese Gyorgy Sandor ha dedicato, nel suo libro “Come si suona il pianoforte”, un intero capitolo alla caduta libera al pianoforte, passando in rassegna i principali aspetti che la compongono: dalla forza…
, , ,

7 Pratici consigli per affrontare la memoria musicale e l’ansia di suonare in pubblico

Indice di navigazione Introduzione La lettura di un nuovo brano Sentirsi comodi anche nei passaggi tecnici difficili Rimanere sempre rilassati La memorizzazione efficace di un brano La ripetizione Ascoltare il proprio…
,

Ansia pre-esame? La memoria ti spaventa? Cosa fare prima di suonare in pubblico.

Scrivo di getto queste poche righe poiché sempre più spesso capita di incontrare studenti di conservatorio terrorizzati dall'idea di dover sostenere un esame. L'ansia da palcoscenico, l'ansia di suonare in pubblico o davanti ad una…
,

I trilli al pianoforte. Due metodi pratici per studiarli

In questo articolo non mi dilungherò a lungo e cercherò di parlarvi brevemente e concretamente di due metodi semplici e pratici per studiare i trilli al pianoforte. Come per l'esecuzione delle ottave, anche nei confronti dei trilli ci sono…
come studiare le ottave al pianoforte
,

Come suonare le ottave al pianoforte?

In questo articolo vedremo come suonare le ottave al pianoforte.  Per molti, quella delle ottave è una tecnica che incute timore, per altri invece è quasi un divertimento. In entrambi i casi bisogna sapere come approcciarsi al pianoforte…
neuhaus didattica al pianoforte
,

7 Consigli pratici sul "bel suono" al pianoforte. H. Neuhaus

Cari lettori, molto spesso si parla di come suonare il pianoforte o di come risolvere determinati passaggi tecnici; "meno spesso" si parla del suono con cui questi passaggi vanno eseguiti. Il suono è il risultato finale, è ciò che arriva…
, ,

Come usare il pedale destro del pianoforte?

Come usare il pedale destro del pianoforte? Alcuni pianisti non si pongono nemmeno questa domanda poichè sono dotati di quell'innata sensibilità uditiva che gli garantisce un risultato sonoro sempre piacevole senza alcuno sforzo. Non è…
,

Il decalogo dei salti. Come eseguire i "salti" al pianoforte?

Come eseguire i salti al pianoforte? Un segreto non esiste, tuttavia c'è una strada che si può percorrere. Se anche voi volete sviluppare la tecnica dei salti sulla tastiera, o quantomeno volete essere certi di poter spuntare tutte e dieci…
,

Il segreto per suonare le scale veloci al pianoforte. Nino Gardi

Chi ben comincia... è a metà dell'opera recita l'antico proverbio e il celebre didatta Nino Gardi ha deciso di intitolare con queste parole un paragrafo del suo libro "Il bianco e il nero" che consiglio vivamente di leggere.  Ritengo…
tempo didattica pianoforte
, ,

Studiare al pianoforte. La trappola per chi lo fa troppo lentamente

Tranquilli! Non è come pensate! Il titolo può spaventare ma lo scopo di questo articolo è quello di offrirvi un valore aggiunto su come studiare al pianoforte. Studiare al pianoforte lentamente è sempre stato utile e sempre lo sarà. In…
,

Come studiare al pianoforte i passaggi difficili? Casella, Chang, Gardi

In questo articolerò vi parlerò di una tecnica specifica che vi aiuterà senza alcun dubbio a studiare al pianoforte i passaggi più difficili. Come detto già in altri articoli, lo studio deve essere sempre molto mirato. Non hanno importanza…
,

Come studiare al pianoforte i passaggi difficili con le "cadute"

Nell'articolo  La “caduta libera” sui tasti. Serve? Non serve? Se si, a cosa? ho consigliato di studiare al pianoforte i passaggi difficili con le cadute. Ho detto di studiare con le cadute anche quei passaggi tecnici che poi in esecuzione…
come studiare le ottave al pianoforte
, ,

La "caduta libera" al pianoforte. Serve? Non serve? Se si, a cosa?

Della caduta libera al pianoforte abbiamo sentito parlare molte volte. E' un argomento che è stato discusso e ridiscusso. Ma è veramente chiaro a cosa serve, come e quando si utilizza?  Dico questo perchè sono molte le opinioni in…
,

Sapevate che...? Cosa accade oltre la velocità di 152 al quarto? SOS errore in pubblico!

Nell'articolo E se sbaglio nota? Cosa percepisce il pubblico? si è parlato di ciò che l'orecchio di un ascoltatore in sala riesce a percepire. Si è detto che non serve preoccuparsi eccessivamente di una nota falsa o di una sporcatura…

5 cose da fare e/o non fare sul palco. Come comportarsi in pubblico?

Cosa fare e cosa non fare sul palco? O meglio, come comportarsi in pubblico dal momento in cui tutti gli spettatori avranno gli occhi fissati sul solista da quando esce a quando rientra nelle quinte. Forse molti non si curano del linguaggio…

E se sbaglio nota? Cosa dirà di me il pubblico?

E se sbaglio nota? Cosa dirà di me il pubblico? Cosa penseranno tutte quelle persone che non hanno mai studiato musica e che sono soltanto amatori? Beh non è sempre così, a volte si ha la fortuna di essere ascoltati anche da musicisti…
,

Sapevi che puoi memorizzare "compitando"? La memorizzazione in musica

In questo articolo vorrei brevemente parlarvi di una semplice tecnica di memorizzazione. Forse alcuni di voi già la utilizzano durante il lavoro mnemonico, altri invece leggendo queste poche righe ne comprenderanno l'utilità nascosta. Come…
, ,

Suonare a memoria. Tipi di memoria musicale e tecniche di memorizzazione

Suonare a memoria è una tradizione ormai consolidata tra i musicisti, tuttavia non sono molte le fonti bibliografiche nelle quali sono affrontate le tecniche di memorizzazione dei pianisti. Durante il secolo scorso, tre pianisti e didatti…
,

Ansia da vuoto di memoria? 5 consigli pratici su come affrontarla

Vi è mai capitato di salire sul palco con la paura di essere vittime di un vuoto di memoria? Senza dubbio, SI! Vi è mai capitato di tremare prima di salire su un palco a causa del fatto che avreste dovuto suonare tutto a memoria e che avreste…
,

7 Consigli pratici su come studiare al pianoforte. Josef Hofmann

Lo studio individuale influenza la gran parte dei nostri risultati. Studiare al pianoforte senza voglia o nel modo scorretto potrebbe portarci ad effetti negativi, a cattive abitudini difficili da correggere. Quindi sapere esattamente qual…

Come fare lezione di pianoforte? Lo schema delle lezioni di Neuhaus?

Come fare lezione di pianoforte? Durante la lettura del capitolo sul suono del libro di Heinrich Neuhaus “L’ Arte del Pianoforte”, mi sono imbattuto in alcune righe che hanno subito attirato la mia attenzione e che penso possano tornare…
,

E’ utile studiare i passaggi regolari con le varianti ritmiche?

E’ molto diffusa tra gli insegnanti l’opinione che possa essere utile studiare un passaggio ritmicamente regolare e uniforme, a valori modificati e con diverse varianti ritmiche. Per esempio, se un passaggio procede per semicrome regolari,…
,

Come stabilire il tempo di attacco di una composizione? Tre consigli pratici

Stabilire il tempo di attacco di una composizione è di primaria importanza. Tuttavia alcuni pianisti, a volte, non danno ad esso la sufficiente attenzione iniziando un’esecuzione con un tempo che poi deve immancabilmente assestarsi. In…